Italia: dati Istat sull'inflazione ad agosto 2010


17 Settembre 2010 - L’Istat ha confermato il rallentamento dell’inflazione ad agosto: la variazione dei prezzi, rispetto a luglio 2010, è stata dello 0.2%, mentre quella tendenziale è passata dall’1.7% di agosto scorso all’1.6% di quest’anno.

Il contenimento dell’andamento inflattivo è dovuto, secondo gli analisti dell’istituto, alla diminuzione dei prezzi energetici, anche se questi ultimi, in un anno, sono pur sempre aumentati di oltre il 4%, e proprio in questi giorni il prezzo della benzina è tornato a mordere, con il prevedibile ripercuotersi sulle statistiche nei prossimi mesi.

Il prezzo della benzina, infatti, in agosto è diminuito dell’1% rispetto a luglio, ma è cresciuto di oltre il 5.6% rispetto ad agosto 2009; il prezzo del gasolio è diminuito dello 0.9% rispetto a luglio ed è aumentato del 9% rispetto ad agosto 2009.

Come certificato da Eurostat, l’inflazione è in discesa anche a livello europeo ed a maggior ragione prendendo in esame i prezzi dei prodotti alimentari, che sono quelli acquistati con maggiore frequenza dalle famiglie.

Con queste cifre così basse spicca tuttavia l’incremento del costo dei biglietti aerei, +6.2% rispetto ad un anno fa, e di quello dei traghetti, cresciuti di oltre il 6%, mentre l’incremento dei costi dei biglietti ferroviari ha raggiunto il 9% a livello annuale.

Maurizio Zani - XageneFinanza2010



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer